ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE

 

 

E' scattato dal 15 agosto 2014 l’obbligo della copertura assicurativa per i professionisti della Sanità (medici del Ssn esclusi). Lo ricorda Federfarma con una circolare: il provvedimento risale al cosiddetto decreto Balduzzi (convertito nella legge 189/2012). Un successivo decreto interministeriale avrebbe dovuto fissare parametri e requisiti minimi dei contratti assicurativi offerti dalle compagnie, ma il provvedimento ancora non è stato emanato e al momento non si ha notizia di una sua prossima approvazione (da www.federfarma.it 01/08/14)

 

Oltre alle polizze ad hoc proposte dalla Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani (vedere sotto) e dal SIVELP (Sindacato Italiano Veterinari Liberi Professionisti: www.sivelp.it/assicurazioni), è possibile stipulare la polizza con qualsiasi compagnia di assicurazione. Anche lo scrivente Ordine ha valutato proposte per offrire formule adeguate al rischio dei Veterinari:

GROUPAMA-Agenzia Mantova 190, Via Chiassi 2/a, 46100 Mantova, tel. 0376/269287, email: mantova@groupama.it

Offre una Polizza Tutela Professione Veterinari: assicurazione contro i danni al patrimonio del professionista e Responsabilità Civile Professionale; Polizza Tutela Legale per la professione del Medico Veterinario; inoltre riserva a tutti gli associati e loro famigliari, condizioni vantaggiose e sconti per altri prodotti (polizze RC auto, abitazione+terremoto, protezione salute e infortuni, risparmio e previdenza integrativa, ecc.)

 

L’obbligo di assicurazione non si applicherà ai medici dipendenti pubblici del Sistema Sanitario Nazionale (da Newsletter FNOVI nr. 24 del 18.06.2014). La deadline per dotarsi di una copertura assicurativa non vale quindi per i Veterinari pubblici, che tuttavia non potranno contare sulle polizze Asl per essere coperti per la colpa grave (da www.sanita.ilsole24ore.com 30/07/14).

 

 

RC professionale per i veterinari: è attiva lA PIATTAFORMA informatica FNOVI

Da www.fnovi.it

E' disponibile ed attiva la piattaforma informatica (www.marsh-professionisti.it/affinityDetail.aspx) per procedere all'emissione diretta della polizza di Responsabilità Civile Professionale sulla base dell'accordo quadro tra FNOVI, Marsh e HDI Assicurazioni già presentato nell'articolo di 30 Giorni dello scorso giugno (www.trentagiorni.it/dettaglioArticoli.php?articoliId=1049) che si consiglia di leggere prima di procedere all'acquisto della polizza.

Si può accedere anche dal sito della Federazione Nazionale: www.fnovi.it à Convenzioni à Assicurazione RC Professionale. Premesso che la polizza FNOVI-HDI prevede la copertura assicurativa dell’esercizio dell’attività professionale di Medico Veterinario svolta nei limiti previsti dalle leggi che regolamentano la professione stessa, il sito prevede inizialmente la necessità di rispondere ad alcuni quesiti volti a determinare l'effettiva esposizione al rischio di alcune particolari attività e quindi individuare la soluzione assicurativa più adeguata tra le opzioni disponibili. Per consentire a tutti di poter avere le informazioni prima dell'accesso al portale per l'acquisto della polizza, sono stati pubblicati 3 manuali operativi, uno per i Medici Veterinari Liberi Professionisti, uno per i Medici Veterinari Dipendenti Pubblici ed uno per le Strutture Veterinarie.

 

RESPONSABILITA' CIVILE-In vigore l'obbligo di polizza per Rc professionale

da AnmviOggi 1 settembre 2014

E' vigente l'obbligo di RC Professionale. Dal 14 agosto tutti i liberi professionisti della sanità, iscritti al rispettivo Ordine sono tenuti a sottoscrivere una polizza per danni causati a terzi nell'esercizio professionale. L’obbligo coinvolge oltre 200 mila professionisti. In difetto, la legge prevede la sanzione disciplinare.
Definitivamente convertito in legge, il Decreto di Riforma della Pubblica Amministrazione ha sdoganato l'obbligo di assicurazione per responsabilità civile professionale; il provvedimento (Riforma Madia) esonera solo i singoli medici dipendenti del Ssn (salvo i casi di esercizio professionale in regime di libera professione). L'obbligo coinvolge invece le strutture sanitarie pubbliche e circa 200 mila sanitari privati fra  odontoiatri, medici di famiglia,  specialisti ambulatoriali,  pediatri, medici veterinari, ostetriche e infermieri che lavorano nella sanità privata.
Così recita la Riforma Madia: "
A ciascuna azienda del Servizio sanitario nazionale (SSN), a ciascuna struttura o ente privato operante in regime autonomo o accreditato con il SSN e a ciascuna struttura o ente che, a qualunque titolo, renda prestazioni sanitarie a favore di terzi è fatto obbligo di dotarsi di copertura assicurativa o di altre analoghe misure per la responsabilità civile verso terzi (RCT) e per la responsabilità civile verso prestatori d'opera (RCO), a tutela dei pazienti e del personale".
"A tutela del cliente"-Dopo due anni di proroga, entra così in vigore l'obbligo introdotto dal Governo Monti con il D.P.R. 137/2012 del 7 agosto 2012 il Regolamento recante riforma degli ordinamenti professionali, secondo quanto disposto dalla legge n. 148/2011 in base alla quale- 'a tutela del cliente- il professionista è tenuto a stipulare idonea assicurazione per i rischi derivanti dall'esercizio dell'attività professionale.
Obbligo e sanzionabilità- All'articolo 5 il DPR 137/2012 disciplina così l'obbligo di assicurazione: " Il professionista e' tenuto a stipulare, anche per il tramite di convenzioni collettive negoziate dai consigli nazionali e dagli enti previdenziali dei professionisti, idonea assicurazione per i danni derivanti al cliente dall'esercizio dell'attivita' professionale, comprese le attivita' di custodia di documenti e valori ricevuti dal cliente stesso. Il professionista deve rendere noti al cliente, al momento dell'assunzione dell'incarico, gli estremi della polizza professionale, il relativo massimale e ogni variazione successiva".
La violazione delle predette disposizioni costituisce "
illecito disciplinare", che sarà valutato dall'Ordine professionale di competenza.
Il Dl Balduzzi e la "colpa lieve"- La norma introdotta dall'ex Ministro della Salute Renato Balduzzi (articolo 3 comma 1 della legge n. 189/2012) ha disposto: «L'esercente la professione sanitaria che nello svolgimento della propria attività si attiene a linee guida e buone pratiche accreditate dalla comunità scientifica non risponde penalmente per colpa lieve. La Corte Costituzionale ha confermato la legittimità costituzionale della norma. Nel caso di "colpa lieve", l'esercente la professione sanitaria non risponde penalmente ma civilmente ai sensi dell'articolo 2043 del codice civile (Risarcimento per fatto illecito). Il giudice, "anche nella determinazione del risarcimento del danno, tiene debitamente conto della condotta" del sanitario  che abbia seguito buone prassi e linee guida.

 

 

CONVENZIONE FNOVI PER RC PROFESSIONALE: AGEVOLAZIONE PER I NUOVI ADERENTI ALLA POLIZZA

da Newsletter FNOVI n. 25/13.07.16

Molto si è già scritto circa l’obbligo per i professionisti di dotarsi di una polizza professionale che copra dagli errori personalmente commessi nell’esercizio della professione. La RC professionale è una polizza assicurativa obbligatoria per tutti i professionisti iscritti agli albi professionali, la cui copertura deve risultare attiva nel momento in cui il professionista assume l'incarico verso il cliente. Va poi ricordato che non adempiere a tale disposizione e non informare il cliente circa l’assicurazione professionale costituiscono illecito disciplinare deontologico che sarà valutato dall’Ordine professionale di competenza. La Federazione Nazionale ha da tempo attivato una piattaforma informatica (www.fnovi.it/convenzioni/assicurazione-rc-professionale) per procedere all'emissione diretta della polizza di Responsabilità Civile Professionale per Medici Veterinari Liberi Professionisti e Dipendenti Pubblici, sulla base dell'accordo quadro tra FNOVI, Marsh e HDI Assicurazioni ed oggi informa che è stata ideata un’iniziativa promozionale volta ad incentivare la prima sottoscrizione della copertura assicurativa con HDI Assicurazioni per i Veterinari nuovi aderenti. L’agevolazione, valida solo per i nuovi aderenti e per la prima annualità di polizza, opera tramite una riduzione percentuale del premio iniziale, differente in funzione del periodo di sottoscrizione della polizza, come di seguito indicato:
1) Periodo 1 Agosto 2016 – 30 Settembre 2016 - Riduzione del 20% del premio
2) Periodo 1 Dicembre 2016 – 31 Gennaio 2017 - Riduzione del 10 % del premio
La riduzione del premio verrà automaticamente applicata dalla piattaforma informatica per le nuove adesioni in relazione a tutte le Opzioni di Garanzia previste. Si confida che questa iniziativa possa contribuire ad incentivare concretamente l’adozione della copertura assicurativa della RC Professionale per il Medico Veterinario a condizioni economiche di assoluto favore, con garanzie contrattuali adeguate alla copertura del rischio. Con l’occasione si rammenta che la FNOVI ha contratto una polizza di Responsabilità Civile Professionale - sostenendone completamente i costi - in favore dei Veterinari iscritti per la prima volta agli Ordini Provinciali nel corso dell’intera annualità 2016: www.fnovi.it/convenzioni/rc-professionale-fnovi-per-i-neo-iscritti-2016 La copertura assicurativa è differenziata a seconda del momento dell’iscrizione dei giovani professionisti all’Albo professionale.

 

 

RC PROFESSIONALE FNOVI PER I NEO ISCRITTI 2016

da www.fnovi.it 10/05/2016

A un mese di distanza dalla pubblicazione della notizia che informava della polizza di assicurazione RC professionale stipulata a favore dei giovani medici veterinari iscritti nel 2016 le reazioni sono ancora di incredulità. Ancora oggi le richieste telefoniche rivolte alla Fnovi, a dimostrazione che il flusso di informazioni può essere migliorato, attengono alla verifica della gratuità della polizza: una volta descritta l'attività svolta dalla Federazione Nazionale l'incredulità lascia il posto alla gratitudine.

Lo scrivente Ordine ne ha parlato nelle News del 14/04/16. Ricordiamo che sul portale Fnovi è stata attivata una sezione dedicata (www.fnovi.it/convenzioni/rc-professionale-fnovi-per-i-neo-iscritti-2016) dalla quale è possibile scaricare copia della “Polizza nr. 0714405458RC” e il “modulo denuncia sinistro” che il professionista dovrà compilare e spedire in caso di richiesta di risarcimento da parti terze che si ritenessero danneggiate a seguito di errori, negligenze od omissioni commessi durante l'esercizio della sua attività.

 

 

FNOVI: ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE PER I NEOISCRITTI DEL 2016

da www.fnovi.it 04/04/16 e Circolare n. 4/2016 del 13/04/16

La Federazione Nazionale sta promuovendo un pacchetto di attività volte a favorire l’ingresso dei giovani nel mondo della Professione: la FNOVI ha stipulato una polizza di Responsabilità Civile Professionale (Polizza nr. 0714405458RC), sempre con il supporto del Broker assicurativo Marsh, a favore dei Medici Veterinari iscritti per la prima volta ad un Ordine Provinciale nel corso del 2016. La convenzione, che prevede una copertura inerente la Responsabilità Civile Professionale, ha effetto dal 31 Marzo 2016 e scadrà il 31 Dicembre 2016. L’operatività della copertura assicurativa avrà invece le seguenti scadenze in funzione del periodo di iscrizione del MV all’Ordine:
• iscritti dal 1 Gennaio 2016 al 30 Aprile 2016, scadenza copertura il 30 Aprile 2017
• iscritti dal 1 Maggio 2016 al 30 Ottobre 2016, scadenza copertura il 31 Ottobre 2017
• iscritti dal 1 Novembre 2016 al 31 Dicembre 2016, scadenza copertura al 30 Aprile 2018
La polizza professionale, prevista come obbligatoria dalla Riforma delle Professioni*, coprirà le richieste di risarcimento pervenute all’assicurato durante il periodo di assicurazione per danni involontariamente cagionati a terzi in relazione all’esercizio dell’attività professionale di Medico Veterinario. È equiparata a richiesta di risarcimento qualsiasi contestazione e/o comunicazione scritta da cui potrebbe potenzialmente derivare una successiva richiesta di risarcimento. S

ono in garanzia le richieste di risarcimento presentate fino ai due anni successivi alla scadenza del periodo di copertura.

Il contratto è stipulato senza tacito rinnovo, pertanto il singolo Veterinario dovrà dotarsi, alla scadenza della copertura, di una polizza assicurativa a contraenza personale e potrà farlo tramite la piattaforma informatica

www.marsh-professionisti.it/AffinityList.aspx?groupId=2

già attivata sulla base dell'accordo quadro vigente tra FNOVI, Marsh e HDI Assicurazioni.

La Federazione ha dedicato alla polizza RC Professionale FNOVI per i Neo Iscritti del 2016 una sezione del proprio portale (www.fnovi.it)dove sarà possibile scaricare copia della Polizza, nonché “modulo denuncia sinistro” che il professionista dovrà compilare e spedire nelle ipotesi in cui ricevesse una richiesta di risarcimento da parti terze che si ritenessero danneggiate a seguito di errori, negligenze od omissioni da lui commesse durante l'esercizio della sua attività.

 

*Decreto del Presidente della Repubblica 7 agosto 2012, n. 137-Regolamento recante riforma degli ordinamenti professionali, a norma dell'art. 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 settembre 2011, n. 148-

Art. 5. Obbligo di assicurazione

- 1. Il professionista è tenuto a stipulare, anche per il tramite di convenzioni collettive negoziate dai consigli nazionali e dagli enti previdenziali dei professionisti, idonea assicurazione per i danni derivanti al cliente dall'esercizio dell'attività professionale, comprese le attività di custodia di documenti e valori ricevuti dal cliente stesso. Il professionista deve rendere noti al cliente, al momento dell'assunzione dell'incarico, gli estremi della polizza professionale, il relativo massimale e ogni variazione successiva.

 

 

MEDICI SENZA POLIZZA RC, NESSUNA SANZIONE

da www.italiaoggi.it 02/09/14

Nessuna sanzione per i camici bianchi privi di polizza assicurativa. Perché il mancato assolvimento dell’obbligo non è imputabile ai singoli professionisti ma all’inadempienza del governo. È questo l’orientamento della Fnomceo, la Federazione nazionale dei medici e degli odontoiatri, in materia di responsabilità civile e professionale dei camici bianchi il cui obbligo è scattato dal 15 agosto scorso. Numerosi sono infatti i quesiti, ha spiegato Luigi Conte, consigliere con delega in materia della Fnomceo, «che stanno arrivando in Federazione per ognuno dei quali stiamo cercando l’interpretazione giuridica più corretta. In ogni caso non crediamo sia giusto far ricadere le responsabilità del mancato assolvimento ai singoli colleghi». Il punto, è che secondo la legge di riforma delle professioni (dpr 137/12), il mancato assolvimento della stipula di una polizza assicurativa costituisce un illecito disciplinare e come tale oggetto di sanzione da parte degli ordini territoriali. In questo caso, però, la colpa non può ricadere sui professionisti ma sulla mancata attuazione del regolamento da parte dei ministeri competenti. Quindi seppure l’obbligo è scattato dallo scorso 15 agosto, chi non provvede, ritiene la Federazione dei medici, non può essere sottoposto ad alcun provvedimento disciplinare.

 

 

ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE: COSA VALUTARE PER SCEGLIERE BENE

La Settimana Veterinaria - N°882 - 9 luglio 2014

Le caratteristiche dell’assicurazione L’assicurazione di responsabilità civile professionale (Rc professionale) copre i danni che il professionista può causare esercitando la professione. Invece, la tutela legale (non obbligatoria) paga l’avvocato per difendere il professionista, specie se deve dimostrare le proprie ragioni.

Per risparmiare “Mi assicuro solo per incidenti con gli struzzi”, dice una pubblicità. In effetti una buona polizza dovrebbe avere meno esclusioni possibile. Un veterinario che si assicura solo per danni a cani e gatti non avrà copertura nei confronti di esotici, selvatici, animali da reddito… Qui potrebbero innescarsi problemi legali, perché il collega che si trova a curare un cane o gatto riproduttore di un allevatore professionista cura, di fatto un animale “da reddito”. Così è utile una polizza che copre tutta l’attività medico veterinaria, esclusiva e non esclusiva. In tal modo si evitano discussioni su reddito/non reddito, specie compresa/esclusa, visita, trasporto o chirurgia… Sono utili estensioni di garanzia all’attività di consulenza e in convenzione, come ad esempio potrebbero essere l’applicazione dei microchip in certe Regioni, o le profilassi obbligatorie in altre (es. la rabbia durante la passata emergenza). Si deve considerare anche la localizzazione: meglio essere coperti su tutto il territorio piuttosto che solo in una struttura precisa.

Il massimale rappresenta la somma massima che la Compagnia assicurativa erogherà. Spesso è uno “specchietto per le allodole”, nel senso che in Veterinaria non sono riconosciuti, solitamente, danni molto elevati, se non nel settore dell’equitazione e/o nel caso in cui venga conteggiato il mancato guadagno (lucro cessante) da parte del proprietario; ad esempio, un cavallo che ha vinto 10.000,00 € all’anno potrebbe, in caso di decesso, vedersi attribuito un valore corrispondente alla somma degli anni di possibile attività agonistica residua, da aggiungere al danno diretto (valore dell’animale al momento del sinistro + spese eventuali). Nei piccoli animali abbiamo notizia di danni massimi riconosciuti con questa motivazione per meno di 40.000,00€.

La franchigia Per dissuadere dall’apertura di troppi sinistri le polizze possono prevedere una quota minima e/o una certa percentuale del danno, che resta in ogni caso a carico dell’assicurato. Se dunque il veterinario fa un danno da 500 € e la sua polizza ha una franchigia di 100 €, l’assicurazione rimborserà 400 euro mentre cento euro rimarranno in carico al collega. La polizza ideale è senza franchigia. Tutela legale inclusa. Spesso le polizze includono una tutela attraverso il legale della Compagnia. In tal caso va chiarito che il legale difende gli interessi dell’assicurazione in prima istanza e quelli dell’assicurato in seconda istanza.

Liquidazione Se viene proposta una soluzione di accordo, l’assicurazione potrebbe accettare di pagare una certa somma anche senza il consenso del veterinario, purché da questo accordo risulti un vantaggio per la Compagnia. Questo è argomento delicato perché l’accordo è percepito dalla controparte come una vittoria legale e morale, per cui il veterinario, magari del tutto incolpevole, vede risarcito chi chiede i danni per un mero calcolo di convenienza, senza possibilità di dimostrare la propria buona fede e correttezza professionale.

Il rinnovo automatico/tacito rinnovo prevede che il contratto si rinnovi automaticamente in assenza di disdetta (raccomandata A/R entro una certo limite temporale). Può essere comodo se il tempo per anticipare la disdetta non è troppo lungo, l’importante è che l’assicurazione non possa aumentare il premio a piacimento durante la validità del contratto.

Polizze “mordi e fuggi” Quando entra in vigore, una polizza è quasi sempre vantaggiosa perché è statisticamente improbabile che tutti gli assicurati abbiano dei sinistri. Con gli anni le probabilità aumentano e il guadagno iniziale potrebbe sfumare. La lentezza della giustizia impone di immobilizzare delle somme per i sinistri non definiti e il tutto diviene poco redditizio. Le Compagnie non accettano di rimetterci dei soldi (non fanno beneficenza) per cui possono aprire una nuova posizione, buttare fuori a loro piacimento chi fa più di un sinistro (recesso), ritirarsi da un certo ramo assicurativo, scaricandosi delle garanzie accumulate negli anni. Quindi è meglio avere polizze durature, che sono specchio di una buona gestione, a meno che non subentrino garanzie maggiori dal confronto delle offerte di mercato. Questo è uno dei motivi che genera tanta difficoltà ad assicurare i medici. La cosiddetta malasanità non è ben delimitata, si pretende dal medico anche di più di quanto la professione può garantire e si costringe, di fatto, alla medicina difensiva.

Assistenza sui sinistri Chi di noi si trova coinvolto, di solito, non sa come muoversi e gli stessi avvocati raramente hanno competenze specifiche in materia. Un’assistenza nei sinistri è un valore aggiunto da tenere in grandissima considerazione.

 

 

 

HOME                            ALTRE INFORMAZIONI